Transizione 4.0 e credito d’imposta 2021

 

Il nuovo Piano Nazionale Transizione 4.0

si pone due obiettivi fondamentali:

• Stimolare gli investimenti privati;

• Dare stabilità e certezze alle imprese con misure che hanno effetto da novembre 2020 a giugno 2023.

 

Nuova durata delle misure 

I nuovi crediti d’imposta sono previsti per 2 anni;

• La decorrenza della misura è anticipata al 16 novembre 2020;

• È confermata la possibilità, per i contratti di acquisto dei beni strumentali definiti entro il 31/12/2022, di beneficiare del credito con il solo versamento di un acconto pari ad almeno il 20% dell’importo e consegna dei beni nei 6 mesi successivi (quindi, entro giugno 2023)

 

Anticipazione e riduzione della compensazione

con maggiore vantaggio fiscale nell’anno

• Per gli investimenti in beni strumentali “ex super” e in beni immateriali non 4.0 effettuati nel 2021 da soggetti con ricavi o compensi minori di 5 milioni di euro, il credito d’imposta è fruibile in un anno;

• È ammessa la compensazione immediata (dall’anno in corso) del credito relativo agli investimenti in beni strumentali;

• Per tutti i crediti d’imposta sui beni strumentali materiali, la fruizione dei crediti è ridotta a 3 anni in luogo dei 5 anni previsti a legislazione vigente.

 

Maggiorazione dei tetti e delle aliquote (Beni materiali e immateriali)

• Incremento dal 6% al 10% per tutti del credito beni strumentali materiali (ex super) per il solo anno 2021; • Incremento dal 6% al 15% per investimenti effettuati nel 2021 per implementazione del lavoro agile;

• Estensione del credito ai beni immateriali non 4.0 con il 10% per investimenti effettuati nel 2021 e al 6% per investimenti effettuati nel 2022.

 

Maggiorazione dei tetti e delle aliquote (Beni materiali 4.0)

• Per spese inferiori a 2,5 milioni di Euro: nuova aliquota al 50% nel 2021 e 40% nel 2022;

• Per spese superiori a 2,5 milioni di Euro e fino a 10 mln: nuova aliquota al 30% nel 2021 e 20% nel 2022;

• Per spese superiori a 10 milioni di Euro e fino a 20 milioni è stato introdotto un nuovo tetto: aliquota al 10% nel 2021 e nel 2022.

 

Maggiorazione dei tetti e delle aliquote (Beni immateriali 4.0)

• Incremento dal 15% al 20%;

• Massimale da 700 mila Euro a 1 milione di Euro

 

Ricerca & Sviluppo, Innovazione, Design e Green

• R&S: incremento dal 12% al 20% e massimale da 3 milioni a 4 milioni di Euro;

• Innovazione tecnologica: incremento dal 6% al 10% e massimale da 1,5 milioni a 2 milioni;

• Innovazione green e digitale: incremento dal 10% al 15% e massimale da 1,5 milioni a 2 milioni;

• Design e ideazione estetica: incremento dal 6% al 10% e massimale da 1,5 milioni a 2 milioni.

 

Credito Formazione 4.0

• Estensione del credito d’imposta alle spese sostenute per la formazione dei dipendenti e degli imprenditori;

• È riconosciuto nell’ambito del biennio interessato dalle nuove misure (2021 e 2022).

 

 

Il nuovo Credito d'Imposta 2021

il credito d’imposta è esteso  fino al 31 dicembre 2022, con la previsione:

 • del potenziamento delle aliquote agevolative,
• l’incremento dell’ammontare delle spese ammissibili e
• l’ampliamento dell’ambito oggettivo.

 

Le novità appena citate operano a ritroso. Infatti, trovano applicazione già per gli investimenti in beni strumentali effettuati a partire dal 16 novembre 2020. 

 

Soggetti beneficiari e investimenti ammissibili

L’agevolazione è riconosciuta a tutte le imprese che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato, a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2022. Ovvero entro il 30 giugno 2023, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

Sono, pertanto, ammessi al credito d’imposta in esame gli investimenti in beni materiali e immateriali nuovi strumentali all’esercizio d’impresa, ad eccezione dei beni indicati all’articolo 164, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

 

Dunque continuano ad essere esclusi dal credito d’imposta i veicoli e gli altri mezzi di trasporto (art.164 del DPR 917/86, TUIR) nonchè i beni per i quali è previsto un coefficiente di ammortamento inferiore al 6.5%.

 

Per gli investimenti ordinari materiali e immateriali (vedi 1° paragrafo) ossia  non inclusi negli allegati A e B annessi alla legge 11 dicembre 2016, n. 232, effettuati da imprese e professionisti (gli unici investimenti agevolabili per i professionisti)) a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2021, l’agevolazione spetta:

 


La misura dell’agevolazione: gli investimenti ordinari

Per gli investimenti ordinari materiali e immateriali (vedi 1° paragrafo) ossia  non inclusi negli allegati A e B annessi alla legge 11 dicembre 2016, n. 232, effettuati da imprese e professionisti (gli unici investimenti agevolabili per i professionisti)) a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2021, l’agevolazione spetta:

• nella misura del 10% per gli investimenti fino a un limite di 2 milioni di euro per i beni materiali e
• fino a un limite di un milione di euro per i beni immateriali
 
La percentuale sale al 15% per gli investimenti destinati all’organizzazione di forme di lavoro agile effettuati nel medesimo periodo
Attenzione, per gli stessi beni, il credito d’imposta opera al 6% per gli investimenti effettuati  dal 1° gennaio 2022.

 

per gli investimenti effettuati a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2021, il credito d’imposta spetta:

• al 50% del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro,
• nella misura del 30% del costo per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni e fino a 10 milioni di euro e
• nella misura del 10% del costo per la quota di investimenti superiori a 10 milioni.

 

Fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro.
Ancora, per gli investimenti 2022, il credito d’imposta è riconosciuto:
• nella misura del 40%  del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro,
• nella misura del 20% del costo, per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni e fino a 10 milioni di euro e
• al 10%  del costo, per la quota di investimenti superiori a 10 milioni.
 Anche in questo caso, fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro.

La misura dell’agevolazione: gli investimenti immateriali 4.0
Meno articolate sono le previsioni agevolative peri beni di cui all’ allegato B annesso alla legge 11 dicembre 2016, n. 232, effettuati a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2022.

Infatti, il credito opera al 20% su un costo massimo di 1 milione di euro. Inoltre, sono ammesse all’agevolazione anche le spese per servizi sostenute in relazione all’utilizzo dei beni di cui al predetto allegato B. Mediante soluzioni di cloud computing, per la quota imputabile per competenza.

L’utilizzo del credito d’imposta: in compensazione in F24
Il credito d’imposta spettante può essere utilizzato in compensazione in F24:
• a decorrere dall’anno di entrata in funzione dei beni per gli investimenti ovvero
• ovvero a decorrere dall’anno di avvenuta interconnessione dei beni.
Cosa importante, il credito è utilizzabile in 3 quote annuali di pari importo.
Inoltre, per i soggetti con un volume di ricavi o compensi inferiori a 5 milioni di euro, l’utilizzo del credito d’imposta per gli investimenti ordinari può avvenire in un’unica quota annuale.

 

Siamo a disposizione per fornirvi consulenza pratiche o consigli

Chiamate e fissate un appuntamento

in totale sicurezza



 

Cà del Picco s.r.l. 

Via Gran Sasso, 1 - 20010 Vittuone (MI)

ORARI DI APERTURA:

Lunedì - Venerdì:  07:30 - 12:00  /  13:30 - 18:30

Sabato: 07:30 - 12:00 

CHIUSO LA DOMENICA

 

CONTATTI:

Tel: 02 9021521   /   Fax: 0290110998 

Mail: magazzino@cadelpicco.it

 

UFFICIO COMMERCIALE/

USATO PRIMA SCELTA: 

Bianchi Andrea Cell. 335-6569999

 

ASSISTENZA E NOLEGGI: 

Andena Oliviero Cell. 335.5448234 

 oliviero.andena@cadelpicco.it

 


 

Da Cà del Picco trovi solamente macchinari e attrezzature delle migliori marche sul mercato